Una storia di ordinaria fantasia!

Bigiotteria? No grazie! Preferisco definirli piccoli 'gioielli economici', vere e proprie creazioni. Qui non si tratta di infilare qualche perlina qua e là per fare un braccialetto  o una collana, ma veri e propri progetti. Dietro ad ogni pezzo che nasce, c'è sempre una buona dose di fantasia e creatività, certo a costi molto ridotti rispetto ad una gioielleria... però, valutate da soli!

Ma partiamo dall'inizio...

   Nei sogni di ragazzi ci stanno tante ipotesi, teorie, fantasie, appunto. La mia era quella di poter aprire una gioielleria che facesse strabuzzare gli occhi, che facesse rimanere a bocca aperta, come quelle dei grandi maestri orafi. Ma poi sappiamo bene che la vita ci fa degli scherzi imprevedibili, e cosi quello rimase solo un bel sogno, fino a che...

 ... Un giorno fece capolino una proposta fatta ai ragazzi dell'oratorio: creare gioielli con le nostre mani!  Entusiasmo a mille, fibrillazione incontenibile, progetti di varia fattura, riempirono immediatamente il salone. Ma dopo qualche giorno, la poesia finì e con essa anche l'entusiasmo. A me invece restò il 'pallino' e cosi iniziò il laboratorio di Fimo e poi la scoperta del Wire, dopo di che le pietre dure, le filigrane, i cristalli, gli strass, il cuoio, il mondo delle perline le perle di fiume, e un sacco di altre cose attizzanti!

    Alcuni attrezzi scovati in giro  per i lavori minuti, qualche lente di ingrandimento, spunti per le tecniche presi dai grandi maestri orafi e soprattutto i tutorial di maestre delle perline, delle rocailles, delle perle sfaccettate.

    Si aprì cosi un mondo allora sconosciuto e che ora condivido con voi, e se vorrete lasciare un vostro commento, mi farebbe molto piacere. lo scopo è quello di offrire cose belle, e intanto forse riusciamo a venire in aiuto alle esigenze di una parrocchia.  Buona navigazione!

 

Scrivi commento

Commenti: 0